DOOF

DOOF

QUANDO

ven, 23 giu 2017
sab, 24 giu 2017
dalle 17.00

DOVE

Mare Culturale Urbano
Via Giuseppe Gabetti, 15
20147 Milano

Milano è la capitale morale della ristorazione. Per densità di esercizi, per primogenitura delle mode, per attenzione dei media, per vocazione – recentemente rinfocolata – all’accoglienza di turisti, lavoratori, studenti.
Ma è, non di meno, la città delle mense pubbliche: le cosiddette mense dei poveri. Abbiamo una lunga e consolidata tradizione di solidarietà.
In questi luoghi, Milano sfama migliaia di persone ogni giorno, per solo dovere civico e umanitario, senza rincorrere echi della stampa e della televisione.
La nostra è la città dei progetti sociali legati al cibo. Come il ristorante “In Galera” nel carcere di Bollate o la panetteria-pasticceria “Buoni dentro”, nata nel cuore dell’Istituto Penale Minorile Beccaria.
Tuttavia, non possiamo dimenticare che la ristorazione milanese è largamente permeata dai danari delle mafie. Un fenomeno in precipitosa espansione. Più invasivo qui che in qualsiasi altra città italiana.

Siamo convinti che Milano debba confrontarsi finalmente su questi temi controversi. I tempi sono maturi per leggere le trame di questo comparto commerciale e sociale nella loro sostanza più profonda, mettendo in luce sia le storie edificanti che non guadagnano i riflettori di giornali e televisione, sia le minacce di una illegalità nascosta all’ombra del food. “Doof” è, appunto, l’occasione che Milano ha, prima di ogni altra città, per rimuovere orpelli e lustrini e parlare di ristorazione da un altro punto di vista.

Promuoviamo infatti questo evento per mostrare l’altra faccia del food.

Quali argomenti affronteremo? Tutto quello che gli altri non dicono. La crisi, morale e materiale, della critica gastronomica e delle guide ai ristoranti. L’invasione mondana dei foodblogger. Il lavoro in nero, il lavoro sottopagato, il lavoro svalutato, persino nelle cucine dei cosiddetti “stellati”.
L’espansione delle mafie nella ristorazione delle grandi città.
Ma daremo voce anche alla ristorazione che svolge supplenze sociali, offrendo occasioni di integrazione ai carcerati o pasti caldi agli ultimi.
Coinvolgeremo le scuole alberghiere e le scuole di giornalismo.
Giocheremo la carta dell’ironia e dello spettacolo, mettendo in scena recital, monologhi, cooking show diversi dagli altri.

Doof è un’occasione per mettere in piazza la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità sul mondo del food.

Da un’idea di Valerio Massimo Visintin, critico gastronomico del Corriere della sera e autore del blog Mangiare.Milano.corriere.it, noto per recensire i ristoranti milanesi in stretto incognito.

SOSTIENICI

CLICCA QUI